IMMAGINI HAIKU

Grande, vecchio amore, l'haiku. Questa silloge (ormai credo sia introvabile) è del 2006: oggi vivo l'haiku in modo diverso, e lo conosco di più, rispetto a quando scrissi questo testo, ma è normale crescere e imparare, e questi haiku mi appaiono comunque sempre freschi e gradevoli. 

Inspiri il frinir

Degli insetti, nell’aria

Ferma d’estate.

Lungo l’argine

Papaveri scarlatti

Riempiono il fosso.

Viva ghirlanda

Ha cinto e adesso ancheggia

La vecchia via.

 

 

Scabra la rena

Scorre sul piede nudo.

Pelle di seta.

Sulle mie gambe

Un gatto spudorato

S’accarezza e va.

Prende alla gola

Un triangolo di pelle

In fondo al ventre.

 

Disteso il giorno

                           Ti ferisce lo sguardo.

                                                             Passa una nube.

 

 

A sera scorre

                     d’un arancio che brucia

                                                          morendo in mare.