23/03/2018: LEGGO IN RETE:

"Un collasso della civiltà nei prossimi decenni è “quasi una certezza”: è la tesi di Paul Ehlrich, biologo e studioso, autore del controverso libro “Population Bomb” pubblicato circa 50 anni fa. In un’intervista al Guardian, Ehlrich ha spiegato che il collasso sarà dovuto a un mix tra l’eccessiva popolazione e “intossicazione” della natura che condurrà a una distruzione delle forme di vita".

LA MAESTRA E LA STREGA

Sì: penso anch'io che il nostro mondo, in questo crepuscolo dell'Era Industriale, stia collassando: troppa gente al mondo vive in modo inumano, e non sappiamo neanche più educare i nostri figli: basta leggere la cronaca quotidiana. Io però appartengo a una generazione di idealisti e non posso pensare che non ci sarà riscatto. Il mio libro si svolge in un mondo nato dal collasso del nostro: la popolazione è scarsa per le atrocità che ci sono state alla fine della nostra civiltà (che ricordo ma non descrivo: leggete i giornali...), non ci sono più Stati, ma la gente per lo più è civile ed è avviata verso un futuro migliore del nostro passato: può persino avventurarsi nello Spazio, in cerca di "una nuova Terra". E poi, il tempo trascorso dalla nostra era è tanto che l'evoluzione ha reso alcune specie animali (i delfini e i lupi liguri) dei veri compagni dell'uomo: non "domestici", ma "apprivoisé", perché con l'uomo sono capaci di "creare dei legami". La maestra (o la "strega": dipende dal livello di civiltà degli uomini) viene dalla nostra era: è preziosa perché sa meglio di tutti cosa sia successo, e perché. E per questo può aiutare gli uomini e le donne della II Repubblica di Genova a non ricadere negli errori del passato. I nostri errori.